Osteoartrosi dell'anca
Osteoartrosi dell'anca

Osteoartrosi dell'anca: vediamo insieme cos'é

INDICE

Cos’è l’artrosi dell’anca?

L’osteoartrosi è la forma più comune di artrosi e l’anca è la seconda articolazione più comunemente colpita (dopo il ginocchio). Ma in cosa consiste esattamente l’osteoartrosi d’anca o coxartrosi? Scopriamolo nel presente articolo.
Le articolazioni di tutti subiscono un normale ciclo di usura e riparazione durante la loro vita. Man mano che le articolazioni si riparano, la loro forma e la loro struttura possono cambiare.

La coxartrosi o osteoartrosi dell’anca rappresenta una patologia infiammatoria cronica degenerativa caratterizzata dall’usura progressiva della cartilagine articolare dell’anca.

L’osteoartrosi fa sì, infatti, che la cartilagine diventi più sottile e le superfici dell’articolazione diventino più ruvide a causa dello sfregamento dei capi ossei. Ciò può causare gonfiore, dolore e rigidità, ma non in tutti i casi si avranno questi sintomi.

La causa esatta dell’osteoartrosi spesso non è nota, poiché possono esserci diversi motivi per cui una persona sviluppa tale condizione: questi includono i geni ereditati dai genitori (fattori ereditari). Ma analizzeremo le cause specifiche più nel dettaglio in un paragrafo dedicato.

L’osteoartrosi d’anca o coxartrosi di solito inizia nelle persone di età superiore ai 45 anni ed è più comune nelle donne rispetto agli uomini secondo indagini epidemilogiche si registrano circa 480 nuovi casi ogni 100 000.
La ricerca ha dimostrato che gli infortuni e i lavori che comportano sollevamento di carichi pesanti o lunghi periodi di alzarsi in piedi sono associati a un aumentato rischio di sviluppare l’artrosi dell’anca. Anche il sovrappeso può essere un fattore, poiché aumenta il carico sulle articolazioni.

Cenni di anatomia: com’è fatta l’anca?

L’anca, conosciuta anche come articolazione coxo-femorale, rappresenta un importante giunto articolare pari che si stabilisce tra la testa del femore (osso della coscia) e l’acetabolo o cotile dell’osso iliaco (osso del bacino).

Tale articolazione rientra nel tipo delle enartrosi o articolazioni a sfera esattamente come la spalla: le due ossa a contatto sono, cioè, costituite da una a forma di sfera concava (la testa femorale) e da una a forma convessa (la cavità acetabolare). Questa tipologia di articolazioni, data la loro conformazione e biomeccanica, è caratterizzata da un’elevata mobilità su tutti i piani dello spazio, riuscendo a compiere anche movimenti di circonduzione.

L’anca è formata come ogni altra articolazione da due superfici articolari rivestite da cartilagine articolare ialina per facilitare lo scorrimento dei due capi articolari ed evitarne attrito durante i movimenti e le attività.
Attorno alle due ossa poste a contatto si sviluppa un manicotto fibroso detto capsula articolare con la sua membrana sinoviale e i suoi legamenti (sia intra che extra capsulari).
Tale articolazione è, inoltre, riccamente vascolarizzata e innervata e su di essa agiscono molteplici muscoli, sia superficiali che profondi.

Da un punto di vista funzionale, l’anca (o articolazione coxo-femorale) è di fondamentale importanza in quanto consente di:

• Sostenere il peso corporeo scaricandolo lungo gli altri inferiori;
• Eseguire i movimenti con gli altri inferiori.

Quali sono le cause principali di artrosi dell’anca?

Generalmente l’artrosi d’anca o coxartrosi è una condizione degenerativa che non riconosce una singola causa ma si instaura come risultato di una serie di fattori favorenti concomitanti che contribuiscono all’assottigliamento progressivo della cartilagine articolare ialina. In tutti quei casi in cui si stabilisce una o più cause patogene specifiche, si parla di coxartrosi secondaria.
Vediamo insieme un elenco delle possibili cause:
• Età;
• Malattie congenite dell’anca (es. displasia congenita d’anca);
• Infezioni articolari o ossee;
• Traumi (es. fratture ossee);
• Osteonecrosi.

Tuttavia, ci sono casi clinici in cui l’artrosi compare in assenza di una motivazione precisa o plausibile: si parla quindi di coxartrosi idiopatica.

È necessario, inoltre, citare alcuni fattori di rischio generali per lo sviluppo di una condizione artrosica, non solo riguardante l’anca:
Obesità;
Età;
Diabete;
Vita sedentaria;
Presenza di altre forme di artrite (es. artrite reumatoide).

 

Come influenza la vita quotidiana l’osteoartrosi all’anca?
Focus sui sintomi

Mentre molte persone non avranno sintomi, altre potrebbero manifestare tanti problemi. La diagnosi di artrosi non significa che le condizioni cliniche peggioreranno necessariamente, poiché ci sono molte accortezze e rimedi che possono migliorare la propria sintomatologia.

Nell’osteoartrosi dell’anca (o coxartrosi), il dolore si manifesta gradualmente nell’arco di mesi o anni; tuttavia, potrebbe anche essere innescato da un recente infortunio. Si possono scoprire che i sintomi vanno e vengono, risultando altanelanti e che il dolore è peggiore alla fine della giornata e nelle ore notturne.

Le zone dolorose sono solitamente la parte bassa della schiena (zona lombare), i glutei e l’inguine. Alcuni soggetti provano fastidio anche dalla parte superiore della coscia fino al ginocchio; addirittura a volte può anche estendersi fino alla caviglia. In caso di distribuzione estesa e a distanza della sintomatologia algica, si parla di dolore riferito o irradiato.

Se l’anca è gravemente colpita, attività come camminare, alzarsi in piedi o piegarsi possono diventare improvvisamente molto difficili da svolgere, in quanto l’articolazione potrebbe anche “bloccarsi” per alcuni istanti.

Inoltre, nei pazienti che hanno un’artrosi dell’anca avanzata, i muscoli intorno all’anca stessa possono diventare ipotono-trofici (più piccoli e deboli) a causa del mancato o errato utilizzo. Questo mette ancora più a dura prova l’articolazione e può favorire lo sviluppo di scompensi del bacino e della colonna lombare, responsabili a loro volta di altre possibili algie e problematiche correlate.

L’osteoartrosi d’anca o coxartrosi è una patologia che non provoca solo ripercussioni fisiche ma anche psicologiche. A volte i suoi effetti possono far sentire le persone depresse o ansiose. Può anche influenzare il modello di sonno e persino le relazioni. Vale la pena parlare con il medico di questi problemi associati in quanto pregiudicano fortemente la qualità di vita del soggetto.

Osteoartrosi dell'anca

Come diagnosticare l’artrosi dell’anca?

Ma quali sono i segnali di una possibile artrosi d’anca o coxartrosi? E quando è necessario rivolgersi al medico per ottenere una diagnosi?

In generale, quando si avverte dolore ad un’anca o dolore inguinale, soprattutto dopo una camminata o un’attività fisica, sarebbe opportuno recarsi da un medico per approfondire la situazione e ricevere un’attenta valutazione.

L’intero percorso diagnostico in caso di osteoartrosi o (coxartrosi) si compone di una serie di fasi, quali:
Anamnesi: raccolta ed analisi di informazioni generali, familiari e di interesse medico riguardanti il paziente (es. età, storia familiare di artrosi, obesità, pregressi traumi all’anca ecc..).
Esame obiettivo: il medico esegue una valutazione visiva, palpatoria dello stato dell’anca interessata, avvalendosi anche di alcuni test clinici come test di mobilità attiva e passiva, test di conflitto, test del cammino.
Esami di imaging: per conferma diagnostica il medico potrebbe richiedere l’esecuzione di alcune indagini ulteriori come:
RX bacino sotto carico o RX per anche: l’RX risulta l’esame di imaging migliore per valutare lo stadio di artrosi, mostrando la riduzione della prima articolare, l’eventuale presenza di osteofiti marginali ed altri segni;
RMN anca;
Analisi del sangue.

Qualora vi siano ancora dubbi, lo Specialista potrebbe ricorrere ad una artroscopia esplorativa dell’anca per una diretta visualizzazione dell’usura cartilaginea.

Come gestire l’artrosi dell’anca?

Non esiste una cura definitiva per l’artrosi, essendo questa una patologia cronico-degenerativa, ma ci sono consigli che se seguiti possono fare la differenza nel modo in cui la condizione colpisce. Sono disponibili anche alcuni trattamenti che potrebbero ridurre significativamente il dolore e migliorare la mobilità. Probabilmente sarà necessario utilizzare una combinazione di elementi diversi per ottenere i migliori risultati. Vediamo insieme alcuni protocolli terapeutici.

Esercizio
Le articolazioni devono essere esercitate regolarmente per mantenerle in salute. È molto importante continuare a muoversi, specialmente se si soffre di artrosi dell’anca (o coxartrosi). Qualunque sia il livello di forma fisica, l’esercizio dovrebbe costituire sempre una parte fondamentale del trattamento.
L’esercizio fisico può rafforzare i muscoli intorno all’anca, migliorare la postura ed aiutare a perdere peso, migliorando così la sintomatologia ed il dolore e gli altri sintomi.
È fondamentale continuare a praticare gli esercizi, anche se ci si inizia a sentir meglio poichè interrompere o ridurre la quantità di esercizio fisico potrebbe causare la ricomparsa dei sintomi. Prova ad iniziare lentamente e ad aumentare gradualmente l’intensità; fare esercizio poco e spesso è un buon punto di partenza.

Controllo del peso
Essere in sovrappeso aumenta la tensione sulle articolazioni, in particolare sui fianchi e sulle ginocchia. Ciò rende più probabile lo sviluppo dell’artrosi e il peggioramento delle proprie condizioni nel tempo (l’obesità è infatti uno dei fattori di rischio). Perdere peso potrebbe quindi ridurre il dolore e gli altri sintomi.
Non esiste una dieta specifica raccomandata per le persone con osteoartrosi. Tuttavia, se c’è bisogno di scendere di peso, bisogna provare a seguire un regime alimentare equilibrato e ipocalorico, combinato con un regolare esercizio fisico.

Ridurre lo sforzo sull’anca
Oltre a tenere d’occhio il peso, ci sono molti altri modi per ridurre la tensione sui fianchi e sul bacino:
• Regolare le attività e non affrontare troppi lavori fisici nello stesso momento. Evitare le attività più difficili. Continuare ad usare l’anca anche se è leggermente scomoda e riposarla prima che diventi troppo dolorosa.
• Evitare sport o attività ad alto impatto come il calcio, il tennis, ma preferirire sport più leggeri come la ginnastica dolce, il ciclismo o il nuoto.
• Indossare scarpe comode con suole spesse e con abbastanza spazio per le dita dei piedi. Buone scarpe dovrebbero ridurre lo shock attraverso i fianchi assorbendo parte dell’impatto quando si cammina. Evitare di indossare i tacchi alti.
• Usare un bastone da passeggio se necessario per ridurre il peso e lo stress su un’anca dolorante. Tenerlo nella mano sul lato opposto del corpo rispetto all’articolazione interessata.
• Cercare di evitare di trasportare oggetti dallo stesso lato dell’anca interessata.
• Usare il corrimano come supporto quando si sale o si scende le scale. Salire prima con la gamba sana, ma scendere prima con la gamba dolorante.
• Quando si è seduti, le sedie devono essere solide e sufficientemente alte in modo che l’anca sia leggermente più alta del ginocchio. Cuscini a cuneo o un asciugamano piegato potrebbero essere utili per correggere la pendenza di un seggiolino auto. Cercare di evitare di incrociare le gambe.

Farmaci
I farmaci possono essere utilizzati per alleviare il dolore e la rigidità articolare causati dall’osteoartrosi d’anca. Si avranno migliori risultati se ci si mantiene attivi, se si riduce lo sforzo sui fianchi e se al bisogno vengono assunti farmaci consigliati per la propria condizione.
Alcuni dei farmaci che si possono provare includono:
Antidolorifici: semplici antidolorifici da banco come il paracetamolo possono aiutare momentaneamente, ma il medico può prescrivere antidolorifici più forti se necessario.
Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS): un breve ciclo di FANS, come l’ibuprofene, può aiutare a ridurre il dolore, l’infiammazione ed il gonfiore. Tuttavia, i FANS non sono adatti a tutti, quindi assicurarsi di parlare con un farmacista o un medico prima di assumerli.
Crema di capsaicina: una crema antidolorifica a base di pianta del pepe, disponibile su prescrizione medica.
Iniezioni di steroidi: un’iniezione nel tessuto molle sul lato dell’anca di farmaci steroidei che può aiutare a ridurre parte del dolore. Di solito se ne possono effettuare solo tre all’anno.

Altre metodiche di trattamento
Se i metodi sopra indiciati non dovessere essere stati di aiuto per ridurre il dolore, ecco altri consigli utili:
Terapia manuale: consiste in diverse tecniche ed allungamenti eseguiti da fisioterapisti. La terapia manuale può essere un trattamento efficace per aumentare la qualità e la gamma di movimento dell’anca.

Stimolazione elettrica transcutanea del nervo (TENS): una piccola macchina elettromedicale che invia minuscole scosse elettriche attraverso elettrodi posti sulla pelle per diminuire la sintomatologia algica. Le macchine TENS presentano controindicazioni, non possono farne uso, infatti, soggetti cardiopatici, epilettici o donne in gravidanza. Per questo è bene chiedere un parente specialistico prima di procedere con l’applicazione.

Terapia caldo/freddo: impacchi di ghiaccio e impacchi caldi, come una borsa dell’acqua calda, possono alleviare parte del dolore e della rigidità dell’anca. Ma fare attenzione a non mettere ghiaccio o impacchi di calore direttamente sulla pelle perché potrebbero causare ustioni. Assicurati di avvolgerli in uno strofinaccio, asciugamano o in un panno umido.

Iniezioni di acido ialuronico: L’acido ialuronico si trova naturalmente nel corpo ed aiuta a lubrificare le articolazioni evitando sfregamento ed attrito tra i capi ossei, come avviene proprio nei casi di osteoartrosi d’anca.

Integratori: c’è una vasta gamma disponibile, inclusi oli di pesce, curcuma, glucosamina e condroitina. Ci sono pochissime prove scientifiche sul loro funzionamento, ma alcune persone ne traggono beneficio.

Agopuntura: una tecnica in cui vengono inseriti aghi molto sottili in punti specifici della pelle, solitamente corrispondenti a punti di dolore miofasciale. Sebbene non ci siano prove che l’agopuntura sia un trattamento efficace per l’artrosi dell’anca, alcune persone trovano che le aiuti con la loro sintomatologia.

Bisogna fare attenzione ad alcuni di questi trattamenti e ricordare che ciò che funziona per una persona può essere completamente diverso da ciò che funziona per qualcun altro. Tutto dipende dallo specifico caso clinico e dallo stadio di gravità dell’osteoartrosi d’anca o coxartrosi.

Quando intervenire chirurgicamente per l’artrosi dell’anca?

L’esercizio fisico, i trattamenti prima descritti e il mantenimento di un peso sano di solito migliorano i sintomi dell’osteoartrosi dell’anca o coxartrosi. Ma se tali trattamenti conservativi non dovessero risultare efficaci, si può trarre beneficio da un intervento chirurgico all’anca.

La chirurgia potrebbe essere suggerita anche se si manifestano sintomi che hanno un impatto sostanziale sulla qualità della vita, come dolore intenso, mobilità ridotta, difficoltà ad eseguire le normali attività di vita quotidiana (come camminare). Quando intervenire chirurgicamente per l’artrosi dell’anca?

Due sono le principali procedure chirurgiche da poter attuare in caso di osteoartrosi d’anca o coxartrosi:
Resurfacing (o protesi di rivestimento);
Sostituzione totale dell’anca (o artroprotesi d’anca).

Il chirurgo sarà in grado di dire quale opzione è migliore per il soggetto. Prima di sottoporsi ad un intervento chirurgico, il paziente sarà coinvolto in un processo decisionale condiviso: ciò comporta la discussione delle migliori opzioni per il trattamento dell’anca e copre i rischi ed i benefici della chirurgia. Il processo viene solitamente eseguito da un chirurgo ortopedico specializzato insieme ad un fisioterapista professionista e tiene conto sia del livello di gravità dell’osteoartrosi, sia del quadro clinico generale, dell’età della persona e delle sue esigenze.

Il resurfacing (o protesi di rivestimento) è un tipo alternativo di intervento chirurgico in cui, anziché sostituire l’intera anca, vengono sostituite solo le superfici danneggiate (quella acetabolare con un guscio e quella femorale con una lamina). Tuttavia, il resurfacing è meno popolare rispetto alle protesi d’anca, poiché ci sono preoccupazioni su come le nuove superfici metalliche potrebbero causare danni ai tessuti molli che circondano l’anca.

La chirurgia di sostituzione totale dell’anca (o artroprotesi d’anca) è una delle operazioni più comunemente condotte e di successo al mondo, nonostante sia invasiva. L’operazione può dare molto sollievo dal dolore e migliorare il movimento nell’anca. Essa consiste nella sostituzione dell’acetabolo e della testa del femore con elementi protesici in titanio, plastica o ceramica.

Le tecniche chirurgiche stanno migliorando continuamente e la maggior parte delle protesi d’anca ora dura almeno 15 anni, prima di necessitare una revisione.

O SCEGLI UN ALTRO METODO DI CONTATTO

Vuoi risolvere il tuo problema? Contattaci!

WHATSAPP

Scrivici Siamo Disponibili
dalle 7:30 alle 20:00

NUMERO DI TELEFONO
370 325 1275

TELEFONO

Chiamaci Siamo Disponibili
dalle 7:30 alle 20:00

NUMERI DI TELEFONO
0775 487906
370 325 1275

VIA MAIL

Inviaci una email a:
prenotazioni@f-medical.it
con il numero di telefono e i dettagli della prenotazione

Assicurazioni e Fondi Sanitari Integrativi

Sai di essere in possesso di un fondo di assistenza sanitaria integrativa?

Molti contratti collettivi
lo prevedono!
Anche tu potresti già  averlo e non saperlo!

Consulta la guida per scoprirlo

Puoi accedere a prestazioni sanitarie come visite specialistiche e odontoiatriche,
esami diagnostici, fino a grandi interventi e ricoveri programmati con:

orologio.jpg

Tempi di attesa ridotti
Attraverso un servizio di consulenza,
avrai accesso in maniera rapida a tutti i servizi
del Medical Group

euro.jpg

Rimborso diretto o indiretto
Una modalità che ti permette
di non pagare la prestazione,
la terapia, e l’intervento chirurgico

relax.jpg

Consulenza personalizzata
Sono disponibili dei consulenti che
supporteranno il paziente durante il
suo percorso nel Medical Group

Assicurazioni e Fondi Sanitari Integrativi

Sai di essere in possesso di un fondo di
assistenza sanitaria integrativa?

Molti contratti collettivi lo prevedono!

Anche tu potresti già averlo e non saperlo!

   Consulta la guida per scoprirlo!